Maino corsa 1932

La fabbrica Maino

Nel 1896 Giovanni Maino, da Spinetta, apre ad Alessandria una fabbrica di biciclette, che diventa nota a livello mondiale.

Nel 1908 Giovanni Maino è in società con Umberto Pizzorno, in un mercato ancora dominato da Monti & Castagneri: la loro fabbrica nasce in piazza Garibaldi, nel palazzo all’angolo con via Mondovì, che ha sul tetto la grande insegna con il nome dei due soci.

Poi i due si dividono, il laboratorio Maino occupa l’area attuale dei giardini di piazza Marconi dove già esistevano le scuderie del palazzo Figarolo di Groppello, mentre il negozio è in piazza Garibaldi, sotto i portici, all’angolo con Corso Roma.

Posizione assolutamente strategica, perchè ad un passo dal centro ma anche vicino alla pista. Nel 1903, però, Maino resta solo, e investe solo nel marketing, creando una squadra ciclistica, che ha nelle sue file i più forti, all’inizio i milanesi Diego Conelli e Pietro Aghemio, poi Giovanni Savarro.

La maglia è grigia, come quella dell’Alessandria calcio, a cui papà Maino regala le divise per i suoi corridori, nasce così la leggenda dei Grigi e di una maglia unica e inimitabile nel mondo. Dal libro “Alessandria città delle biciclette”

collezione privata

One thought on “Maino corsa 1932

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.