bici corsa COLNER 1973

 

images-colnago-colner-P1010375-650x487

 

images-colnago-colner-P1010376-337x450

 

images-colnago-colner-P1010379-337x450

images-colnago-colner-P1010377-337x450

images-colnago-colner-P1010382-650x487

 

 

 

La cicli Colner (COLNago + ERnesto) nasce alla fine degli anni ’70 dall’iniziativa di  un rivenditore Colnago di San Lazzaro di Savena in provincia di Bologna,”Velosport”, di nome Ernesto
L’idea di business è quella di una linea biciclette di livello medio alto con una produzione completamente indipendente dalla Colnago, da inserire sul mercato ad un prezzo leggermente più basso e con una diversa distribuzione, in particolare nelle regioni del sud Italia.
Per Colnago è anche l’occasione per correre con due squadre contemporaneamente, in quegli anni l’UCI permetteva infatti una sola squadra di professionisti per marchio.

Le Colner, contraddistinte dal simbolo dell’Asso di Picche raggiunsero presto un notevole successo commerciale, tanto che l’amico Martini di Lugo ne verniciò 700 solo nel primo anno. Le bici, costruite con tubi Columbus SL ed equipaggiate con gruppi Campagnolo, erano infatti di alto livello, molto simili alle Super della Colnago e, in alcuni casi, anche più leggere, questo almeno nei primi anni di produzione.

Oltre alle bici di serie, costruite ed assemblate esternamente alla Colnago da artigiani come Romani di Parma, Technotube e Simoncini, la Colner offriva anche bici su misura per diverse squadre, come la belga IJsboerke-Colner nel’74/75 e l’italiana Vibor nel ’77/78, per la quale correvano l’allora esordiente Visentini, come pure Boifava e  Panizza.
Questi telai speciali erano costruiti e assemblati dalle esperte mani de i fratelli Gozzi (Rauler) di Reggio Emilia.

collezione privata

ringrazio Frameteller per la collaborazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.